Giovedì 22 Agosto 2013 07:16

Scalogno di Romagna

E' disponibile la nuova produzione di scalogno romagnolo.

Qui sotto riportiamo interessanti informazioni tecniche su questa bellissima coltura. SCALOGNO DI ROMAGNA IGP art.10 Reg. CE 510/2006(allium ascalonicum) (note di Loris Pattuelli) “Allium” deriva da “all”,  parola celtica  che significa “bruciante”,  mentre il nome “ascalonicum” viene da “Ascalon”, un’antica città della Palestina oggi Ashkelon. A differenza dell’aglio, della cipolla e degli scalogni francesi o americani, questo rinomato membro della famiglia delle liliacee non produce infiorescenze e,  per arrivare sulle nostre tavole, ha bisogno di una cura particolare per selezionare, ogni anno, i bulbilli da piantare poi in un terreno di medio impasto, tendenzialmente argilloso, asciutto, dotato di potassio e di sostanza organica, ben esposto e soprattutto ben drenato. Lo scalogno di Romagna IGP (indicazione geografica protetta reg. le. n. 2325/97 del 24/XI/1977) deve essere prodotto esclusivamente da coltivazioni ubicate nell’ambito delle seguenti zone: in provincia di Ravenna, nei comuni di Brisighella, Casola Valsenio, Castelbolognese,  Faenza, Riolo Terme, Solarolo; in provincia di Forlì-Cesena, nei comuni di Modigliana e Tredozio; in provincia di Bologna, nei comuni di Borgo Tossignano, Casalfiumanese, Castel del Rio, Castel Guelfo, Dozza, Fontanelice, Imola, Mordano.

Richiedi informazioni

Hai trovato le informazioni in questa pagina interessanti?
Vorresti maggior informazioni in merito a quanto presentato in questa pagina?
Compila il modulo sottostante!

Nome
(*)
Email
(*)
Telefono
(*)
Messaggio
(*)
inserire il codice a lato
I campi contrassegnati con (*) sono richiesti